12 Marzo: basta precarietà >>> le immagini delle iniziative nelle città

Pino Turi a Roma

Abbiamo fatto proposte serie e credibili, ci aspettiamo risposte altrettanto serie e credibili  – così il segretario generale della Uil Scuola, Pino Turi,  intervistato durante la manifestazione davanti al Miur a Roma.
I problemi della scuola non sono soltanto quelli del precariato lo sappiamo bene, ma partono dal precariato. Bisogna avere rispetto per i docenti.  Il ministro è il ‘datore di lavoro’ di queste persone.  Trovare una soluzione, fare in modo che possano lavorare in tranquillità, significa cercare le migliori condizioni di lavoro. Questo significa ‘fare il proprio mestiere’.
Non chiediamo sanatorie, ma un percorso che porti a rendere stabile il lavoro. Il prossimo anno scolastico le persone con un contratto precario potrebbero essere quasi 200 mila: in una scuola se è precario il docente è precaria anche la scuola, saranno precari anche gli alunni, saranno precarie anche le famiglie. E di precariato non se ne può più.
Questo il link al servizio del Tg realizzato dalla Uil TV:  http://www.uil.tv/webtv/default.asp?ID_VideoLink=5244

 

Condividi questo articolo: