La scuola unisce l’Italia

La scuola unisce l’Italia

INIZIATIVA NAZIONALE UIL SCUOLA Dal Congresso di Vienna alla proclamazione del Regno d’Italia La sintesi dello studio: Dall’Italia ‘espressione geografica’ all’Italia unita Il racconto della scuola come parte della storia del nostro Paese Parte da un’Italia frammentaria, quella che il Metternich definiva ‘espressione geografica’, per giungere al sistema scolastico italiano delineato dalle leggi dell’Italia Unita, […]

Continua a leggere

Autonomia scolastica: l’Italia non è in ritardo

Autonomia scolastica: l’Italia non è in ritardo

INIZIATIVA NAZIONALE UIL SCUOLA La sfida dell’Europa richiama gli stessi interrogativi italiani: come migliorare la qualità dell’istruzione? La sintesi della ricerca: Non è vero quel che fino ad oggi è stato detto: l’Italia non è in ritardo rispetto agli altri paesi europei nella realizzazione dell’autonomia scolastica, lo strumento che consente alle scuole autonomia gestionale e […]

Continua a leggere

L’integrazione dei disabili nelle scuole. Una scelta di civiltà.

L’integrazione dei disabili nelle scuole. Una scelta di civiltà.

Di Menna: una scelta che ha qualificato la scuola pubblica
Le proposte Uil: una conferenza nazionale per definire gli interventi di integrazione
Organico funzionale, per la continuità didattica
e reti di scuole, per competenze professionali, formazione, ricerca

Continua a leggere

PRECARI: Nella scuola ventottomila posti di lavoro a rischio

Uil Scuola: “Ora si deve passare dalla discussione generale a interventi mirati per tutelare il lavoro e i redditi delle persone”

Continua a leggere

Il business del precariato: 232.048 insegnanti in graduatoria in attesa della chiamata per un incarico o una supplenza.

Il business del precariato: 232.048 insegnanti in graduatoria in attesa della chiamata per un incarico o una supplenza.

MASTER, CORSI E DIPLOMI PER NON ESSERE SUPERATI IN GRADUATORIA 638 MILA EURO SPESI NEL 2009 SOLO PER I RICORSI
Di Menna: La scuola non può essere un ‘graduatorificio permanente’
Dare stabilità alle graduatorie, interrompere la spirale dei ricorsi, porre fine ai corsi per far punti
La proposta Uil Scuola: incarichi pluriennali sui posti disponibili, immissioni in ruolo, concorsi dove le graduatorie sono esaurite

Continua a leggere

La Uil Scuola e la sfida dell’innovazione

UNA RICERCA FOTOGRAFA LA SITUAZIONE ATTUALE DELLA SCUOLA ITALIANA
Il trend degli stipendi degli insegnanti nella scuola statale dal 1995 a oggi
La scuola italiana dal 1995 a oggi

Continua a leggere

Da Fioroni alla Gelmini, per la scuola tre Finanziarie di risparmi

Da Fioroni alla Gelmini, per la scuola tre Finanziarie di risparmi

NELL’ULTIMO ANNO UN’ACCELERAZIONE DELLA RIDUZIONE DELLA SPESA L’Italia al 24° posto su 27 paesi UE per gli investimenti in istruzione: si spende il 9,7% della spesa pubblica rispetto all’11% della media europea Di Menna: Bisogna ridare ‘anima’ alla scuola soffocata da tagli e burocrazia Il Comunicato di sintesi: Da Fioroni alla Gelmini, per la scuola […]

Continua a leggere

Salva-precari: 16.543 insegnanti e 4.529 Ata coinvolti nelle misure predisposte da Miur, Inps e Regioni

La Uil sostiene le rivendicazioni di chi è in una situazione di precarietà lavorativa e rilancia dal XII Congresso nazionale le sue proposte: incarichi pluriennali sui posti disponibili, immissioni in ruolo, concorsi per i giovani dove le graduatorie sono esaurite, perché senza questi interventi si sta già formando nuovo precariato. Misure salva precari. A pochi […]

Continua a leggere

“I convitti? Svolgono un ruolo prezioso sul quale le famiglie fanno affidamento”

“I convitti? Svolgono un ruolo prezioso sul quale le famiglie fanno affidamento”

La Uil Scuola propone: “facciamone campus di eccellenza dove sperimentare le innovazioni”

Continua a leggere

Docenti di sostegno: la metà è precario

La Uil Scuola propone contratti pluriennali   Per una completa integrazione servono accordi di programma con gli enti locali  Aumenta l’organico di diritto dei docenti di sostegno che operano nella scuola pubblica, ma il lavoro rimane sostanzialmente precario. E mentre aumentano in Italia gli alunni diversamente abili, il numero dei docenti rimane sostanzialmente stabile, con […]

Continua a leggere