Firmato il protocollo per la riapertura delle scuole in sicurezza

Firmato il protocollo per la riapertura delle scuole in sicurezza

Si è da poco concluso l’incontro fra Ministero dell’Istruzione e Sindacati che ha visto la sottoscrizione del protocollo d’intesa per contribuire a garantire l’avvio dell’anno scolastico a settembre nel rispetto delle regole di sicurezza. FLC CGIL, CISL Scuola, UIL Scuola, SNALS Confsal esprimono la loro soddisfazione per i risultati raggiunti. Il Protocollo Nazionale della Sicurezza rappresenta un passaggio importante che i dirigenti scolastici e le scuole attendono per organizzare la ripresa delle attività in presenza, obiettivo per il quale i sindacati si sono impegnati a fondo conducendo col Ministero un confronto serrato e complesso. Con la firma di oggi si porta a compimento un impegno assunto esplicitamente già in occasione della firma del protocollo riguardante lo svolgimento degli esami di stato: le scuole possono ora disporre di un chiaro punto di riferimento su tutti i temi già portati all’attenzione del CTS, il che costituisce un concreto supporto al lavoro in atto…

Continua a leggere

Nella riapertura delle scuole il rebus delle sedi disponibili. Uil: riaprire la mobilità

Nella riapertura delle scuole il rebus delle sedi disponibili. Uil: riaprire la mobilità

Cirillo: pericolo più grande è azzeramento risultato concorso.  Giovani dirigenti caricati di responsabilità ora con incarichi rischio.  Serve un Piano B nell’ipotesi che la magistratura azzeri tutte le nomine.  La scuola non potrà reggere uno stress di questo tipo.  Riaprire il contratto sulla mobilità dei dirigenti scolastici – questa la richiesta al centro dell’incontro fissato oggi pomeriggio al Ministero. Una procedura necessaria ed urgente, perché la mobilità dei dirigenti scolastici che ha lasciato molte sedi libere – spiega la responsabile del dipartimento dei Dirigenti scolastici Uil Scuola, Rosa Cirillo. Ci sono molte sedi libere dopo i pensionamenti e il mutamento di incarico dei dirigenti già in servizio. Ora si sono liberate sedi anche in quelle regioni che l’anno scorso risultavano occupate. Ci vuole un metodo rispettoso dei diritti. Queste sedi oggi verrebbero occupate da chi, nello scorrimento della graduatoria, oggi risulta di nomina, negando il diritto di precedenza per merito. Bisogna pensare ad…

Continua a leggere

Utilizzazioni e assegnazioni: sottoscritto il contratto. Le domande dal 13 al 24 luglio.

Utilizzazioni e assegnazioni: sottoscritto il contratto. Le domande dal 13 al 24 luglio.

Grazie al contratto nessun blocco per i docenti immessi in ruolo con decorrenza 1/9/19. Dal 13 al 24 luglio la presentazione delle domande. Nella giornata di ieri è stato firmato in via definitiva il CCNI sulle assegnazioni e utilizzazioni anni scolastici 2019/22. Nello stesso incontro il Ministero ha annunciato le date di presentazione delle domande per l’a.s. 2020/21. Scadenza e presentazione delle domande: – Personale docente (infanzia, primaria e secondaria): dal 13 luglio al 24 luglio 2020 attraverso Polis Istanze On Line. – Personale ATA (ausiliario, tecnico ed amministrativo): dal 13 luglio al 24 luglio 2020 in modalità cartacea. Ricordiamo che potranno presentare domanda di assegnazione provvisoria, avendone i requisiti, anche: • i docenti che hanno ottenuto durante la mobilità territoriale o professionale una scuola indicata “con preferenza puntuale” (secondo il CCNI sulla mobilità non possono chiedere trasferimento o passaggio per un triennio. Tale vincolo non opera nell’assegnazione provvisoria); • i docenti ex Fit assunti in ruolo dal…

Continua a leggere

Supplenze: sull’ordinanza netta contrarietà della Uil Scuola

Supplenze: sull’ordinanza netta contrarietà della Uil Scuola

Nel link il documento di commento della Uil Scuola sulla bozza dell’O.M. che il Ministero si appresta ad emanare per la costituzione delle graduatorie provinciali per le supplenze e delle graduatorie di istituto di II e III fascia. Nel documento sono messe in evidenza tutte le nostre riserve e la contrarietà al provvedimento, e un approfondimento sui cambiamenti più rilevanti che dovranno subire i supplenti in relazione ai diritti acquisiti negli anni (Regolamento delle supplenze e stravolgimento della tabella dei titoli).

Continua a leggere

Graduatorie provinciali: continua il confronto ma i problemi restano

Graduatorie provinciali: continua il confronto ma i problemi restano

E’ proseguito il confronto, iniziato ieri, tra sindacati e amministrazione sul rinnovo delle graduatorie provinciali. Un nuovo giorno ma la notte non ha portato consiglio. L’amministrazione, a parte qualche piccolo aggiustamento, e’ rimasta rigidamente sulle sue posizioni che tendono a smantellare tutta la struttura che ha ben funzionato e ha governato le supplenze negli ultimi quindici anni. Lo scontro è sulle fonti primarie che dovrebbero regolare la materia in futuro. L’amministrazione, rappresentata dal Dr. Marco Bruschi, sostiene che la legge innova l’impianto complessivo. Ad avviso della UIL, l’art. 4 della Legge del 6 giugno 2020 n. 41 disciplina solo l’istituzione delle graduatorie provinciali (GPS) e il conferimento delle supplenze. Nessun riferimento al regolamento (DM 131 del 13.06.2007). Regolamento frutto di oltre un anno di di proficuo lavoro tra l’amministrazione di allora e le organizzazioni sindacali. Un ottimo lavoro che ha regolato il sistema per anni. Gli incontri di questi giorni hanno trovato un’amministrazione arroccata sulle sue…

Continua a leggere

Nomine in ruolo: fasce aggiuntive graduatorie dei concorsi

Nomine in ruolo: fasce aggiuntive graduatorie dei concorsi

Si facilità l’incontro tra domanda e offerta. Resta la spada di Damocle del blocco quinquennale. L’istituzione delle fasce aggiuntive alle graduatorie dei concorsi di tutti gli ordini di scuola è stato l’argomento all’ordine del giorno del confronto tra amministrazione e organizzazioni sindacali. Per il ministero era presente il Capo dipartimento, dott. Marco Bruschi. Questo nuovo sistema è stato definito dalla Legge n. 159/19. Un modo per far incontrare la domanda con l’offerta di lavoro e facilitare le nomine in ruolo dei docenti vincitori di concorso. La bozza illustrata dall’amministrazione prevede che i docenti della scuola dell’infanzia, primaria, secondaria di primo e secondo grado e sostegno (decreti n. 105, 106 e 107 del 23 febbraio 2016) collocati in graduatorie di merito e negli elenchi aggiuntivi dei concorsi, per titoli ed esami, possono presentare domanda…

Continua a leggere

Ferie del personale della scuola: il punto nella scheda Uil Scuola

Ferie del personale della scuola: il punto nella scheda Uil Scuola

Nella scheda la nostra posizione sul diritto della fruizione delle ferie del personale che fruisce degli art.. 36 e 59 del CCNL 2006-09. Abbiamo integrato la nostra scheda (nel link) sui criteri e le modalità di fruizione delle ferie precedentemente pubblicata Qualunque circolare interna del dirigente scolastico non conforme al Contratto Nazionale di Lavoro, a quanto stabilito eventualmente nella contrattazione di istituto per il personale A.T.A. o a quanto deliberato dal Collegio dei docenti in materia di impegni dei docenti nei periodi di sospensione delle lezioni o delle attività didattiche, che comporti una riduzione o uno spostamento dell’arco temporale del periodo di ferie richiesto, è priva di qualunque fondamento normativo e, pertanto, è da ritenersi illegittima.  

Continua a leggere

Turi: prossimo anno sia nel segno della continuità

Turi: prossimo anno sia nel segno della continuità

DECRETO SCUOLA ALL’ESAME DEL SENATO PER LA CONVERSIONE IN LEGGE Proposta Uil punta sul mantenimento dell’attuale livello organizzativo con il minimo di spostamenti. Serve legge.   Agire in continuità: è questa la proposta che lancia la Uil Scuola rispetto alle misure per la regolare conclusione dell’anno scolastico in corso e l’ordinato avvio dell’anno prossimo e sullo svolgimento degli esami di Stato, che inizia oggi al Senato. I latini dicevano ‘quieta non movere et mota quietare’. Non agitare ciò che è calmo, ma calma piuttosto ciò che è agitato – sottolinea il segretario generale della Uil Scuola, Pino Turi mentre inizia al Senato l’iter di conversione in legge del decreto approvato l’8 aprile scorso. Proviamo a costruire uno scenario: senza sindacato, con gli italiani che diventano – spiega Turi – improvvisamente, tutti giapponesi e superano gli aspetti della mera gestione organizzativa. Ipotizziamo anche che in virtù di questo meccanismo prodigioso sia completata la rivoluzione di scuole…

Continua a leggere

Diffida al ministro per la riapertura del contratto sulla mobilità

Diffida al ministro per la riapertura del contratto sulla mobilità

Turi: serve progetto per la scuola. Ministro autoreferenziale. Personale, didattica, studenti: va pensato un mondo diverso e va affrontato con il confronto e il coinvolgimento di chi sarà chiamato a realizzarlo. Una diffida al ministro per la riapertura del contratto sulla mobilità del personale della scuola che sia funzionale ad un modello di ripartenza della scuola che ancora non vediamo. Appare prioritaria – spiega il segretario generale della Uil Scuola, Pino Turi – l’esigenza di inquadrare la mobilità in funzione dell’emergenza in atto che merita un progetto eccezionale come è il periodo che stiamo vivendo. Abbiamo sempre considerato e rappresentato la mobilità come un tassello di un puzzle più ampio e più articolato.  Che avesse bisogno di una armonizzazione con norme concepite in un mondo diverso, era già scontato prima della crisi sanitaria. Temi che la Uil Scuola ha rivendicato con forza come, ad esempio, l’anacronistico blocco della mobilità quinquennale per alcune categorie di…

Continua a leggere

Turi: lo consideriamo un atto ostile

Turi: lo consideriamo un atto ostile

A prof responsabili, il ministero risponde con provvedimento notturno Mentre il paese e i lavoratori stanno lottando contro il virus pagando prezzi enormi, mentre il Paese si ferma con senso di responsabilità, e i docenti rispondono all’emergenza con serietà e dedizione, il ministro dell’Istruzione alle 21, 30 del 23 marzo, a scuole chiuse, senza neanche consultare le rappresentanze dei lavoratori della scuola, emana l’ordinanza con cui avvia le operazioni di mobilità del personale. Domande, spostamenti, progetti tutto nelle reti di un provvedimento notturno, quasi sotterraneo. Lo consideriamo un atto ostile – dice Turi – mentre i lavoratori sono costretti nei loro domicili per l’emergenza sanitaria. A questo punto si innesta un’altra e più grave emergenza, quella politica, di un governo che approfitta del momento di emergenza per decidere in modo unilaterale su una materia di negoziazione sindacale. I lavoratori sapranno valutare le azioni e le forzature che si stanno susseguendo, ben sapendo che non…

Continua a leggere