Ferie docenti con contratti al 30 giugno e 31 agosto: cosa è utile sapere. Indicazioni alle segreterie.

Ferie docenti con contratti al 30 giugno e 31 agosto: cosa è utile sapere. Indicazioni alle segreterie.

Ci risulta che in diverse scuole i docenti con contratto al 31 agosto siano trattati in ugual misura ai docenti supplenti brevi o con contratto al 30/6 in materia di ferie. Al fine di effettuare interventi mirati per evitare che ci siano soprusi in tal senso, si richiama la normativa sulla questione “monetizzazione delle ferie” con particolare riferimento ai docenti con contratto al 30 giugno  e 31 agosto. Come noto, la legge 24/12/2012 n. 228 (Legge di stabilità 2013) all’art. 1 comma 54 ha modificato e uniformato i periodi di possibile fruizione delle ferie per tutti i docenti di ruolo o supplenti di tutti i gradi di istruzione stabilendo che il personale docente di tutti i gradi di istruzione fruisce delle ferie nei giorni di sospensione delle lezioni definiti dai calendari scolastici regionali, ad esclusione di quelli destinati agli scrutini, agli esami di Stato e alle attività valutative. Mentre, con l’art….

Continua a leggere

Turi: diciassette milioni di ore di formazione, sembra possibile?

Turi: diciassette milioni di ore di formazione, sembra possibile?

SOSTEGNO, PRECARI E LAVORO IN CLASSE: IL GOVERNO SCEGLIE DI PROCEDERE PER LEGGE E DIMENTICA CHE NEL PATTO PER LA SCUOLA SI PARLA DI CONTRATTO. Questa scuola non è da ri-formare è da lasciare in pace. Rispettare il lavoro, dare stabilità alle persone e sicurezza agli studenti. Poche cose chiare da fare subito. Una formazione obbligatoria e diffusa per tutti i docenti: immaginate 700 mila docenti con una formazione di 25 ore obbligatorie. Sono 17 milioni di ore di formazione. Ma può essere mai possibile? Siamo sicuri di volere un investimento di questo tipo? E cosa porterà in futuro? Siamo agli esordi della fine degli insegnanti di sostegno così come li abbiamo avuti fino ad oggi, in un rapporto diretto con l’alunno. Si smantella una scelta di civiltà. Il tema del sostegno e dell’inclusione a scuola dei ragazzi che ne hanno diritto è tema che non può essere sottovalutato – osserva il segretario generale…

Continua a leggere

Obbligo per le scuole ad organizzare la formazione per i docenti senza titolo di specializzazione sul sostegno

Obbligo per le scuole ad organizzare la formazione per i docenti senza titolo di specializzazione sul sostegno

Il trucco c’è e si vede: si introduce per decreto la formazione obbligatoria per i docenti non specializzati per tagliare i posti sul sostegno. Si intaccano le altre attività e la chiamano autonomia. Il decreto del Ministro dell’istruzione con il quale si impone la formazione obbligatoria al personale non in possesso del titolo di specializzazione sul sostegno, nonché i criteri e le modalità di monitoraggio delle attività formative, sono stati gli argomenti al centro dell’incontro con l’amministrazione. Tempi e strumenti attuativi saranno scaricati sulle singole scuole. Per il ministero erano presenti il Dott. Serra e il Dottor Pierro. Per la UIL scuola hanno partecipato Giuseppe D’aprile e Paolo Pizzo. Come noto la legge di Bilancio per il 2021 ha previsto uno specifico finanziamento per la realizzazione di interventi di formazione obbligatoria del personale docente impegnato nelle classi con alunni con disabilità le cui modalità attuative devono essere stabilite con decreto del Ministro dell’istruzione. La…

Continua a leggere

Ex LSU: siglata l’intesa politica. L’unica soluzione al problema è l’aumento dei posti.

Ex LSU: siglata l’intesa politica. L’unica soluzione al problema è l’aumento dei posti.

Nel 2020/21 la UIL SCUOLA non ha sottoscritto il contratto specifico (CCNI) sulla mobilità del personale ex – LSU, presagendo i futuri sviluppi della vicenda, in quanto il CCNI si è discostato e di molto dalle prassi sindacali in materia di mobilità. Come è noto, lo scorso anno la UIL Scuola ha ripetutamente chiesto la riapertura del CCNI della mobilità che rappresenta un unicum per tutti i lavoratori, docenti ed ATA. Una richiesta motivata dal susseguirsi delle norme che, a parere della UIL Scuola, dovevano essere tradotte ed armonizzate nel contratto che prevede espressamente la riapertura (art. 1 comma 4) proprio a questo fine. Il Miur decise di farlo da sé, senza una condivisione, con un approccio particolare e non generale che poi ha prodotto contratti da modificare. Le soluzioni proposte per gli ex LSU, sulla attuazione delle quali è mancato il confronto, non sono del tutto condivisibili, come ad esempio la…

Continua a leggere

Il parere del Garante della Privacy su compensi fondo di istituto / D’Aprile: Privacy o segreto di Stato?

Il parere del Garante della Privacy su compensi fondo di istituto / D’Aprile: Privacy o segreto di Stato?

Il Garante per la protezione dei dati personali, con la nota 49472 del 28 dicembre 202o, ha fornito il proprio parere in merito alla legittimità o meno di rilasciare dati personali dei dipendenti alle organizzazioni sindacali, in particolare con riferimento alla richiesta, avanzata da queste ultime, di nominativi e compensi del personale docente e ATA relativi alle attività finanziate con il fondo d’istituto. Una storia infinita – dichiara D’Aprile – che nasconde chiaramente l’attacco alla libera contrattazione dietro le cavillose e burocratiche esposizioni che dicono tutto ed il contrario di tutto e dove ognuno tira le proprie conseguenze. Il quadro normativo vigente applicabile al c.d. “comparto scuola”- secondo il parere del Granate – non consente agli istituti scolastici di comunicare alle organizzazioni sindacali i nominativi dei docenti o di altro personale e le somme liquidate a ciascuno per lo svolgimento di attività finanziate con il c.d. fondo d’istituto. Pertanto – continua…

Continua a leggere

ARAN / Siglato l’accordo quadro per i comparti di contrattazione

ARAN / Siglato l’accordo quadro per i comparti di contrattazione

Uil Scuola: passo importante che trova il Ministero dell’Istruzione ancora impreparato Sottoscritta in data odierna tra Aran e organizzazioni sindacali l’Ipotesi del Contratto collettivo nazionale quadro per la definizione dei comparti e delle aree per il periodo contrattuale 2019-2021. Riguarda i comparti di contrattazione collettiva di Sanità, Istruzione Università e ricerca, Funzioni centrali e Funzioni locali. Si tratta dell’accordo quadro sui comparti che consente di avviare il negoziato per i rinnovi all’Aran. Misura legata alla predisposizione da parte dei Comitati di Settore dell’Atto di indirizzo all’agenzia di negoziazione. L’ipotesi definisce la composizione dei Comparti e servirà per avviare le trattative contrattuali 2019/2021. Per la composizione delle aree dirigenziali il confronto proseguirà nelle prossime settimane. E’ stato fatto un piccolo passo in avanti che ancora, almeno nel caso dell’istruzione, non trova preparato il ministero che è caduto in uno stallo pericoloso nel quale versano sia le relazioni sindacali – ancora fermo il Patto per l’istruzione, discusso…

Continua a leggere

Mobilità del personale docente, educativo ed A.T.A. per l’a.s. 2021/22

Mobilità del personale docente, educativo ed A.T.A. per l’a.s. 2021/22

Date di presentazione delle istanze: – personale docente: dal 29 marzo 2021 al 13 aprile – personale educativo: dal 15 aprile 2021 al 5 maggio 2021 – personale Ata: dal 29 marzo 2021 al 15 aprile 2021 – IRC (procedura non informatizzata): dal 31 marzo 2021 al 26 aprile 2021 Nei link i materiali utili dal sito del MI, le schede Uil Scuola, il vademecum operativo.

Continua a leggere

Turi: si parte bene. Il contratto è strumento per raggiungere obiettivi chiari

Turi: si parte bene. Il contratto è strumento per raggiungere obiettivi chiari

Incontro in videocollegamento dalla Sala Tarantelli dell’Aran tra il ministro per la Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, l’Aran, i rappresentanti delle confederazioni sindacali responsabili del pubblico impiego e le categorie del settore. Il confronto riguarda il lavoro nel pubblico impiego e il rinnovo dei contratti del comparto. Per la Uil hanno preso parte alla riunione insieme al Segretario generale, PierPaolo Bombardieri, i segretari generali di UIL SCUOLA, Pino Turi, UIL FPL, Michelangelo Librandi, UIL PA, Sandro Colombi, UIL RUA, Attilio Bombardieri. In apertura di riunione – presenti il Presidente dell’Aran, Antonio Naddeo, il Capo di Gabinetto del ministero della Pubblica amministrazione, Marcella Panucci, il direttore delle relazioni sindacali, Valerio Talamo – il ministro Brunetta ha confermato che è in fase di predisposizione l’atto di indirizzo del Governo per l’avvio del negoziato contrattuale. Tempi ridotti anche per il calendario – ha detto Brunetta – annunciando…

Continua a leggere

MOBILITA’ / Ancora nulla di fatto: riunione interlocutoria

MOBILITA’ / Ancora nulla di fatto: riunione interlocutoria

L’amministrazione si è presentata senza una proposta operativa. Domani nuovo incontro. È proseguito il confronto tra l’amministrazione e le organizzazioni sindacali sul tema della mobilità. Per il ministero erano presenti il Capo di Gabinetto Dr. Luigi Fiorentino e il Direttore generale Dr. Filippo Serra. Per la Uil Scuola Pasquale Proietti e Paolo Pizzo. La Uil ha insistito e ribadito la propria proposta che è quella di una modifica del contratto integrativo (CCNI) partendo dal presupposto che ogni modifica debba poggiare su un quadro normativo solido, sia esso di natura legislativa o contrattuale. Non siamo innamorati di specifica proposta, ma solo determinati a conseguire il risultato. L’amministrazione, non avendo pronto uno strumento legislativo idoneo, non ne ha ancora presentata una definitiva.  Sta procedendo con l’istruttoria per decidere. La Uil ha riaffermato la centralità della contrattazione come strumento per eliminare il vincolo quinquennale di divieto di spostamento. Misura che impedisce di coprire i posti disponibili e vacanti. La Uil, pur…

Continua a leggere

Vincolo quinquennale e docenti ingabbiati: va riaperta la mobilità. E’ lo strumento che può rimuovere vincoli burocratici e dare soluzioni.

Vincolo quinquennale e docenti ingabbiati: va riaperta la mobilità. E’ lo strumento che può rimuovere vincoli burocratici e dare soluzioni.

L’informativa e il confronto sulle ordinanze della mobilità del personale docente, educativo, ATA e di religione cattolica e la contrattazione del personale ex Lsu sono stati i temi all’ordine del giorno per l’incontro tra l’amministrazione e le organizzazioni sindacali. Per il ministero era presente il Capo dipartimento Dr. Marco Bruschi e il Direttore generale Dr. Filippo Serra. Per la Uil Scuola Pasquale Proietti, Antonello Lacchei, Paolo Pizzo e Giuseppe Favilla. La bozza dell’ordinanza ministeriale presentata dall’amministrazione relativa alla mobilità per l’a.s. 2021/22 del personale docente, che in realtà si limita ad indicare le date di presentazione delle domande, ripropone gli stessi blocchi per i quali, già lo scorso anno la Uil Scuola aveva chiesto la riapertura del contratto (richiesta, che l’ex ministro Azzolina, aveva disatteso). Dopo l’incontro di ieri, tra i segretari generali dei sindacati e il ministro Bianchi, ci saremmo aspettati un atteggiamento diverso e una maggiore attenzione da parte ministeriale…

Continua a leggere